Saturatore Audio e Come Usarlo


Nell’articolo di oggi ti mostrerò il Saturatore Audio e come usarlo.

Si tratta di processori audio (che siano analogici o digitali) che aggiungono distorsioni armoniche ai tuoi suoni.

Il risultato?

Un suono più vivo, colorato e che si adatterà meglio all’interno del tuo mix!

Avere un suono più “ricco” è da sempre l’obiettivo di molti produttori, audio engineer e sound designer.

In passato il segnale audio veniva trattato con macchine analogiche (preamplificatori, compressori valvolari, mixer, ecc.) le quali donavano al suono un caratteristico colore (che ancora oggi è molto ricercato).

Questo “colore” (che altro non è che l’aggiunta di armoniche più o meno gradevoli) era dato proprio dalle diverse tecnologie impiegate per la costruzione delle varie macchine. 

Ovviamente, come puoi immaginare, oggi questi procedimenti sono molto lunghi e costosi, ed è per questo che le case produttrici di plugin e vst hanno sviluppato i Saturatori.

Oggi potrai ottenere lo stesso un suono piacevolmente colorato nelle tue produzioni attraverso l’uso sapiente di diversi plugin che emulano i procedimenti analogici.

La Waves Audio, ad esempio, ha prodotto il plugin Abbey Road J37 Tape

Si tratta di un’emulazione digitale dello storico registratore a nastro usato negli studi di Abbey Road!

Emulazioni come il J37, l’NLS Channel, VComp, ecc. aggiungeranno colore al tuo suono proprio come facevano le macchine analogiche di un tempo.

Tuttavia esistono plugin che sono specifici per la saturazione, questi sono i saturatori.

SoundToys propone il Decapitator, un utilissimo plugin (saturatore/distorsore) che, attraverso l’uso di 5 diversi algoritmi, aggiungerà armoniche ai tuoi suoni.

Ma come si usano i saturatori?

Ci sono diversi metodi e soprattutto momenti all’interno del processo di produzione in cui l’utilizzo di un saturatore può davvero cambiare il risultato.

Come si presenta un saturatore audio


In qualunque saturatore che si rispetti troverai dei comandi di base che saranno simili per tutti i plugin, questi sono:

Drive: un controllo dedicato alla distorsione del suono. Può avvenire tramite l’aumento di guadagno in ingresso oppure attraverso specifici algoritmi di distorsione.

Potrai decidere quanto sarà incisiva la distorsione all’interno del tuo suono.

Output: da questo controllo potrai gestire il volume in uscita del segnale processato.

Dry/Wet: tramite l’uso di questo controllo potrai decidere la quantità di segnale da processare tramite il tuo saturatore.

Filter: tramite la sezione Filter dei tuoi saturatori potrai decidere su che banda di frequenza intervenire, così da aggiungere armoniche solo nelle parti di spettro che ti interessa.

Ti darà la possibilità di essere molto preciso e, insieme al controllo Dry/Wet, potrai dosare la tua saturazione e renderla piacevole.

Il Saturatore, utilizzi.


Come tutti i plugin audio riguardanti l’alterazione del segnale originale (quindi riverbero, delay, compressore, ecc.) anche i saturatori possono essere applicati o in Insert o in Send.

Sono differenti modalità di approccio alla saturazione che portano differenti benefici.

Un saturatore posto in Send potrà essere usato per processare più segnali senza però gravare eccessivamente sulla CPU.

I saturatori posti in Insert invece, danno la possibilità di processare i segnali in modi differenti, tuttavia graveranno maggiormente sulla CPU dal momento che dovrai usarne uno per canale (in base alle necessità).

Saturatore Audio In Insert


Il termine “Insert” indica che l’effetto (in questo caso il saturatore) è applicato all’interno del flusso del canale.

In questo modo tutto il tuo segnale/suono passerà attraverso il saturatore che lo processerà prima di mandarlo al canale di Master (e di conseguenza di sentirlo).

Potrai gestire la quantità di segnale processato tramite il comando di Dry/Wet.

Questo metodo è molto utilizzato nella musica EDM e Rock, dove i suoni sono spesso pesantemente saturati e distorti.

Se lavorerai bene i tuoi suoni, scegliendo con cura le frequenze da saturare, il risultato sarà un mix più omogeneo, eviterai che i tuoi suoni sembrino piatti e finti.

I saturatori tuttavia, trovano largo impiego anche sulle sezioni ritmiche, specialmente sulle casse, dove sono utilizzati per dare maggiore profondità e impatto al suono. 

Nella musica EDM quasi ogni suono avrà una sua saturazione.

Ricorda che, ogni volta che applicherai un saturatore ad una traccia andrai a gravare sul carico complessivo della CPU, pertanto ti consiglio di valutare con cura ogni intervento che andrai a fare sui singoli suoni, in questo modo eviterai di sovraccaricare eccessivamente il programma.

Saturatore Audio In Send


Utilizzare una traccia di ritorno per saturare un segnale è sempre un’ottima idea.

Risparmierai CPU e i suoni risulteranno maggiormente amalgamati fra loro dal momento che usufruiscono della stessa saturazione.

Grazie al comando di Send/mandata, possiamo inviare il nostro segnale ad una traccia di Ritorno dove verrà applicato il saturatore.

Questo metodo ti permetterà di ottenere un mix fra il suono non processato e il suono processato dal saturatore applicato alla traccia di ritorno.

Può essere una buona tecnica da utilizzare nel caso in cui desideri avere lo stesso tipo di saturazione su diversi suoni. 

Inoltre il tuo saturatore peserà meno sulla CPU dal momento che non dovrai applicarne uno per ogni traccia.

Ti consiglio comunque di dosare bene il segnale da processare. Se esageri rischi di ottenere un suono estremamente saturato che potrebbe risultare molto sgradevole.

Saturatore audio sui Bassi


Usare un saturatore audio sulle basse frequenze (non sub frequenze) ti aiuterà ad aggiungere gradevoli armoniche che lo renderanno più intellegibile (Renderà più chiara la tonalità del basso facendone emergere la nota e farà in modo che le basse frequenze si sentano bene anche su speaker non professionali).

Anche in questo caso dovrai fare attenzione a non esagerare.

Potresti creare effetti di mascheramento che potrebbero “affondare” alcuni suoni all’interno del tuo mix, rendendoli meno intellegibili o addirittura non udibili.

Valuta l’utilizzo di un saturatore in Send, in questo modo potrai mixare il segnale originale del tuo basso con quello processato e ottenere un suono caldo ma dalle note chiaramente udibili.

Saturatore audio e Voci


La saturazione sulle parti vocali è molto frequente, può aggiungere calore al sound, rendere il suono della voce più omogeneo all’interno del mix e, se utilizzato in un certo modo può rendere le voci più intellegibili e farà in modo che queste risaltino nel mix, vediamo come.

Applicando ad esempio un saturatore in Send, con una saturazione sulle alte frequenze (dai 3500Hz in su) e mandando il segnale originale che intendiamo processare (in questo caso dei vocals), otterremo un suono maggiormente intellegibile e che risalterà di più all’interno del mix.

Eccedere con questo tipo di saturazione però “svuoterà” la traccia vocale rendendola sottile e poco gradevole, ricorda sempre di misurare bene l’intervento prima di applicarlo.

Se riuscirai a dosare bene l’effetto, aggiungerai armoniche piacevoli e, a seconda del tipo di saturatore audio che stai utilizzando, anche un colore analogico.

Saturatore audio e parti ritmiche


Le parti ritmiche posso essere saturate attraverso una traccia di ritorno oppure direttamente in insert.

Come sempre dipende da ciò che desideri ottenere.

Nel caso in cui volessi solo aggiungere maggiore impatto e colore alle tue ritmiche ti basterà saturarle tramite l’aiuto di una traccia di ritorno.

In particolare sulla cassa e sul rullante potrai ottenere un punch maggiore il che si traduce con una ritmica più incalzante e un impatto maggiore.

Conclusione


Certamente il saturatore audio è uno dei plugin più usati nella musica moderna.

Trova impiego in diverse situazioni ed è parte fondamentale di molte tecniche audio che mirano alla creazione di mix audio più corposi e piacevoli all’ascolto.

Se sei alla ricerca del plugin perfetto per le tue saturazioni ti potrebbe interessare anche Top 10 – Saturatore Audio.

Scopri di più sul Suono e sul Sound Design:

I migliori strumenti per produttori e Sound Designer:

Recensioni utili

Lascia una Recensione!

Add Comment