Ableton Live, il Sequencer Definitivo

Perché scegliere Ableton Live


Ableton Live è il sequencer che ti permette di trasformare il realtà le tue idee creative… In pochi minuti.

Questo articolo rappresenta il primo della nuova rubrica Ableton Live, una nuova categoria nella quale ti mostrerò tecniche, trucchi e consigli per Ableton Live.

Prima però vorrei introdurti al software e parlarti del perché ho scelto proprio questo sequencer..

Iniziare il percorso di produzione musicale, sound design o in generale un lavoro che preveda l’uso di una DAW non è mai facile.

Ci sono tanti materiali da scegliere per Allestire un Home Studio, dai monitor all’interfaccia audio, l’ambiente di registrazione i microfoni e tanto altro.

Ma sicuramente la cosa più importante è proprio la DAW, ovvero il Sequencer tramite il quale potrai gestire l’intero studio.

Di solito il sequencer è proprio la prima scelta da fare, sia per motivi pratici che tecnici.

Indubbiamente, senza un sequencer non potrai produrre, quindi è necessario possederne uno, in base a quello che deciderai di utilizzare potrebbe cambiare l’impostazione del tuo studio.

Potresti dover comprare attrezzatura differente a causa delle compatibilità, stessa cosa vale per i software e per il sistema operativo, ad esempio Logic Pro X non esiste per Windows, oppure sarebbe inutile collegare una Ableton Live Push a FL.

Dunque, scegliere il sequencer è il primo passo da fare, e va fatto con cura se non vuoi rischiare di dover comprare diverse licenze e sperperare il tuo budget.

Personalmente, per curiosità e anche per motivi professionali, mi sono trovato a lavorare su tutte le DAW più famose: Logico Pro X, Pro Tools, FL, Reason, Cubase e altri sequencer minori.

Quando ho incontrato Ableton Live però, è stato amore a prima vista.

Tutto quello che sugli altri sequencer mi sembrava macchinoso e complesso, su Ableton Live si era trasformato in un’azione veloce e spontanea, pratica e senza passaggi inutili.

Non solo, Ableton Live, a differenza di tutti gli altri sequencer ti permette di passare dallo studio al palco con un solo click (di TAB).

Grazie alla sua funzione Live, che è quella da cui viene il nome del sequencer, potrai esibirti dal vivo in un modo mai visto prima nel mondo dell’audio digitale.

Proprio per questa funzione diverse società come la Novation, hanno sviluppato moltissime periferiche hardware basandosi proprio su Ableton Live, cosa che le rende praticamente plug & play con questo sequencer.

Ableton Live stessa si impegna nella creazione di hardware specifici per il suo sequencer, un esempio su tutti è proprio la Ableton Live Push 2.

Si tratta di un controller MIDI specifico per Ableton Live che permette il controllo assoluto del sequencer tramite hardware, trova largo impiego sia in produzione che durante i live.

Quali sono le caratteristiche di Ableton Live che lo hanno reso così apprezzato dal pubblico?

Grafica


Ableton Live

La prima volta che vidi l’interfaccia grafica di Ableton Live non mi ispirò grande fiducia.

Era poco rifinita, di un colore piuttosto spento, non capivo perché fosse così apprezzato.

La prima cosa che si nota, soprattutto se hai usato già altri sequencer, è che il mixer si trova sulla destra della schermata principale.

Una cosa molto insolita dal momento che tutti gli altri sequencer ce l’hanno a sinistra, questo fra l’altro mi aveva creato un attimo di smarrimento.

Ma diciamocelo, il primo impatto con qualunque software è sempre traumatizzante!

Solo imparando ad utilizzarlo capii che il mixer si trovava a destra perché a sinistra si trova l’utilissima (e unica rispetto ad altri sequencer) sezione Browser.

Grazie a questa sezione potrai importare all’interno del programma i tuoi campioni audio, ma prima li potrai sentire tramite un’utilissima modalità di anteprima sonora, inoltre avra il controllo totale di effetti e Plugins.

L’interfaccia grafica (che comunque può essere personalizzata) si presenta in modo semplice, in altri sequencer, le interfacce grafiche sono spettacolari, con grafiche altamente lavorate e colori accesi, ma Ableton Live ci fa capire dopo pochi minuti di utilizzo quanto sia inutile la bellezza estetica senza praticità d’uso.

La velocità di intervento su Ableton Live è davvero impressionante, tutto è a portata di mano in un’interfaccia grafica senza fronzoli che pensa ad un aspetto prettamente tecnico.

I colori “spenti” si rivelano vincenti su sessioni lunghe, non stancano gli occhi e permettono di lavorare affaticandosi di meno.

Insomma, tutto quello che ad una prima (e superficiale) occhiata può sembrare di “scarsa qualità”, si rivela infine l’arma vincente per un sequencer che ti supporta in qualunque fase della produzione musicale come nessun altro sequencer è in grado di fare.

Si può dire davvero che Ableton Live pensi al benessere del proprio Sound Designer!

Editing Audio


Ableton Live audio editing
Ableton Live Audio Editing

Ableton Live si distingue da tutti gli altri sequencer anche per le funzioni di editing audio.

Essendo un sequencer pensato per lavorare principalmente con Loop e campioni audio, mette a disposizione non solo una facile modalità di messa a tempo che si chiama Warp, ma anche una serie di pratici strumenti per editare l’audio con precisione assoluta.

Partendo dal Browser, quindi dalla gestione dei file audio tramite la suddivisone in cartelle, si potranno trascinare con il mouse i campioni audio sul foglio di lavoro.

In questo modo l’importazione è completata! Velocemente, senza dover aprire inutili menù o utilizzare complessi shortcuts.

È proprio in queste cose che si distingue Ableton Live. La velocità di ogni comando ti permettere di non perdere l’idea che avevi in mente e realizzarla in tempi molto brevi.

Su Ableton Live, le clip audio possono comporre intere sessioni o essere impiegati e modificati per esibirsi dal vivo, o perfino durante la stessa esibizione!

Ableton Live, l’agilità del Software


ableton live piano roll
Il piano roll di Ableton Live

La velocità su Ableton Live è davvero tutto.

La facilità di importazione dei file audio è solo uno dei piccoli tasselli che tutti insieme compongono il grande mosaico che porta l’utente pro a produrre interi brani in pochissimo tempo!

Qualunque device è “trascinabile” con il mouse.

Questo significa che se vuoi spostare un filtro da un canale ad un altro ti basterà spostarlo tenendo premuto con la freccetta del mouse.

Lo stesso criterio vale per le clip, sia MIDI che audio, cosa che torna utilissima in fase di composizione, specialmente se si devono orchestrare diversi strumenti.

Disegnare il MIDI su Ableton Live è facile e veloce anche per chi non ha competenze approfondite di teoria musicale.

Grazie alla modalità Fold potrai impostare la scala in cui suonare, o comunque le note che vuoi utilizzare.

Inoltre gli shortcuts semplici e quasi sempre eseguibili attraverso la combinazione di soli due tasti (su altri sequencer, molti shortcuts di uso comune sono complessi).

Tutto quello che serve per iniziare


ableton live browser
Una piccola sezione del Browser di Ableton live

Come tutti i sequencer, anche Ableton Live ha una sua personale libreria di suoni, effetti e strumenti inclusa di base.

Nella versione Suite, ovvero la più completa, avrai a disposizione 39 effetti audio, 16 effetti MIDI, oltre 70gb di Samples e il software Max for Live.

Al di la della corposa libreria di samples che si mostra utile già dal primo momento, è interessante sapere che Ableton offre degli strumenti molto sofisticati che possono risultare complessi ad un primo approccio.

Con la pratica e lo studio, questi strumenti si riveleranno essenziali per le tue produzioni.

Strumenti come Operator o Analog, risultano essere dei sintetizzatori avanzati che possono davvero regalare suoni di altissima qualità e dalle caratteristiche armoniche molto interessanti.

Max for Live inoltre, è un software di Sound Design, ovvero di progettazione sonora.

Questo software non solo ti permetterà di creare device personalizzate per Ableton live, ma potrai anche gestire intere installazioni sonore.

Ableton Live, semplicemente un Factotum


Ableton Live è un sequencer che si adatta con facilità a tutte le necessità di un produttore musicale o di un sound designer.

La velocità impareggiabile, la grande libreria di suoni e gli strumenti avanzati lo rendono uno dei software più completi in commercio.

Inoltre, la sua versatilità d’uso è davvero unica nel mondo dei sequencer.

Si tratta infatti dell’unica DAW che si può occupare di:

  • Produrre Musica
  • Lavorare con video
  • Audio Editing di Precisione
  • Registrazione
  • Eseguire performance live
  • Generare ed editare suoni, effetti audio e strumenti musicali
  • Tramite l’uso di Max, si possono invece gestire le installazioni

Insomma, sono davvero tantissime cose per un solo software, e quello che lascia piacevolmente soddisfatti è che, qualunque sia l’uso che ne farai, sarà preciso, stabile e veloce.

In una parola? Affidabile!

In questo contesto di stabilità e semplicità potrai ordinare il tuo Browser come preferisci aggiungendo cartelle e sotto cartelle, applicando etichette e creando gruppi di strumenti, plugin o perfino interi rack che potrai personalizzare e salvare per averli sempre a portata di mano, ed ovviamente il tutto molto velocemente e con facilità.

Human After All…


Per quanto possa sembrare praticamente perfetto, anche Ableton nasconde dei difetti.

Non c’è ancora la possibilità di fare Comping. Le tracce infatti non sono predisposte per la creazione di sub playlist come ad esempio in ProTools.

La mancanza di una schermata spartito. Non esiste una modalità per visualizzare lo spartito del MIDI che si è generato. Anche una cosa semplice come quella presente in Logic Pro X potrebbe essere un buon upgrade.

Esiste solo in versione 64bit. Hanno recentemente smesso di sviluppare la versione in 32bit, questo significa che non ci sarà compatibilità con plugin o sistemi operativi che usino la versione a 32bit.

Tutto sommato sono piccoli difetti accettabili se si considera quanto è capace di offrirci questo sequencer.

Fra tutti i sequencer disponibili sul mercato, Ableton Live sicuramente rappresenta la scelta più versatile.

Ableton Live si o no? Conclusione


Si tratta come sempre di una scelta personale alla fine. È impossibile determinare quale sia in assoluto il sequencer migliore.

Certamente, Ableton offre molte opportunità ai suoi utenti e riesce a farlo in modo semplice.

Ultimamente, sempre più spesso, si vedono molte DAW sviluppare aggiornamenti che, in un modo o in un altro, prendono spunto a piene mani dallo stesso Ableton.

È forse un segno?

Se vuoi iniziare ad usare Ableton ti potrebbe interessare la Guida Rapida alla Produzione Musicale Con Ableton Live!

E dopo Ableton? C’è ancora molto che puoi approfondire!

I migliori strumenti per produttori e Sound Designer:

Recensioni utili

Visita il sito ufficiale di Ableton Live https://www.ableton.com/

Lascia una Recensione!